Vincere o Perdere

Vincere o Perdere?

Destinazione, Arrivano, Raggiungere

Oggi parliamo di calcio. Eh sì, in fondo non si parla d’altro in questi giorni…

Quello che fa specie è che il calcio sia – per il popolo italiano – più importante di quello che accade nel nostro paese.

Partendo da questa nostra passione, scopriamo che anche la nostra vita è un’alternarsi di sconfitte e vittorie, sia personali che professionali. 

Anche nella vita possiamo  imparare a vivere questi momenti con  l’atteggiamento mentale di uno sportivo.

IL CAMPIONE CHE PERDE

Capita anche al campione di perdere. Abbiamo assistito a campioni che si sono persi per colpa della loro fragilità mentale e persone meno preparate che hanno allenato la loro testa a vincere. Scopriamo come:

  • i campioni credono fortemente nell’obiettivo che si sono prefissati e non si fermano di fronte a nessun ostacolo. Vogliono sempre migliorarsi
  • i campioni perdono, ma fanno tesoro della sconfitta. Imparano, cercano un modo per evitare il ripetersi dell’errore, si pongono la domanda su come migliorare, e su quali aspetti lavorare.
  • Sono costantemente alla ricerca di nuove soluzioni.

Questo è il modo di pensare di una persona vincente, nel lavoro, nella vita.

IL CAMPIONE CHE NON CERCA SCUSE

Il campione non da la colpa ad altri, o alla sfortuna. Si prende le sue responsabilità, non si piange addosso. Tornando al nostro amato calcio, è stata la mentalità a sconfiggere la nostra nazionale. Quello che si deve fare è rimboccarsi le maniche e imparare dai propri errori.

NASCERE CAMPIONI O DIVENTARE CAMPIONI?

Bella domanda. Ci sono talenti innati per la matematica, le arti, la scrittura. Ma anche chi è meno talentuoso può, con impegno e determinazione, migliorarsi e raggiungere ottimi risultati.

Quindi, iniziamo a pensare da campioni…. e campioni diventeremo. 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinrssyoutube

Be the first to comment

Leave a Reply