La Scienza dei Ricordi

Cosa rende una vacanza indimenticabile? HomeAway, in collaborazione con il Prof. Art Markman e l’Università del Texas hanno hanno effettuato uno studio che – sulla base di fattori come la destinazione, il costo, il gruppo, ecc. – è stato in grado di determinare quali sono i ricordi più duraturi di una vacanza.

La metodologia

713 adulti provenienti da sei differenti paesi, hanno riportato i loro sentimenti e  le esperienze effettuate nel corso delle loro vacanze, ricordandone i momenti e le emozioni,

I Risultati

Le destinazioni: Tra le località più indimenticabili c’è la montagna. Il ricordo dei paesaggi montani suscita una maggior emozione rispetto a mare e città.

Le foto

Chi ha scattato foto usando il cellulare è più propenso a ricordare la vacanza. Anche chi ha creato un album online, o ha pubblicato aggiornamenti sui social come Fb, Instagram, Twitter, ricorda più facilmente il proprio viaggio.

Selfie, Felice, Nuvole

Quali Social 

Chi ha pubblicato su Instagram ha una memoria emozionale maggiore rispetto agli utenti di Facebook e Snapchat.

Lavorare in vacanza

Siete tra coloro che lavorano anche in vacanza? Uhm… male…. sappiate che chi lavora in vacanza ha una memoria minore di chi invece, vive appieno il proprio viaggio. Quindi, limitate al minimo l’accesso alla mail dell’ufficio, e al cellulare.

Con chi viaggiare

Telecamera Analogica

Se viaggiate con familiari e amici, avrete ricordi più intensi rispetto al viaggio in coppia o da soli.

Emozioni pre, ricordi-post

Passaporto, Viaggio, Vacanza, Documento

Cominciate a pensare alla vostra vacanza, immaginatevi i luoghi, le sensazioni, i colori. Studiatevi itinerari, mappe, luoghi di interesse….  Se siete emozionati ancor prima di partire, sarete più propensi ad avere magnifici ricordi.

Ricapitoliamo: 

  • No lavoro in vacanza !
  • Si amici e parenti, più siamo meglio è
  • Si a selfie e foto e alla condivisione! Pubblicatele anche sulla nostra pagina: https://www.facebook.com/tripaz4millennials/

 

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Facebooktwitterlinkedinrssyoutube

Be the first to comment

Leave a Reply