Diving: semplicemente sport o vera e propria avventura?

Il capitano Nemo introdusse la testa nella calotta sferica. … tre buchi, protetti da spessi vetri, permettevano di vedere in tutte le direzioni, girando semlicemente la testa dentro la sfera… …a 10 metri di profondità camminavamo in mezzo a un branco di pesciolini di tutte le specie…
(20.000 leghe sotto i mari- Jules Verne)

Il desiderio di andare sott’acqua è sempre esistito: inizialmente solo per cercare cibo e scoprire la vita nel mare, successivamente per riparare navi o affondarle per poi recuperarne i carichi e i tesori… Con immersioni brevi e pericolose, finché gli esseri umani non trovarono un sistema per respirare sott’acqua.

Nel XVI secolo si iniziò ad utilizzare campane subacquee attaccate a tubi che fornivano aria dalla superficie, finchè i progressi tecnologici come le pompe ad aria e gli erogatori, hanno reso possibile la permanenza sott’acqua per lunghi periodi. Ci sono molti posti, nel mondo, dove è possibile incontrare squali bianchi, pesci multicolori, incredibili coralli, e scoprire il mondo sottomarino. Are you ready?

 
 
 
 
 
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Facebooktwitterlinkedinrssyoutube

Be the first to comment

Leave a Reply